Lasciate ogni speranza o voi che entrate

Bochesmalas

domenica 14 aprile 2019

Una Dinamo strepitosa si riaffaccia in zona playoff


Interrompo per un attimo le trasmissioni dalla Namibia per spendere due parole per questa grande, incredibile, Dinamo-Banco di Sardegna trainata dal mitico Poz.
Dopo le cinque sconfitte consecutive a cavallo tra fine Gennaio e i primi di Marzo, e dopo il cambio della guardia tra Esposito e Pozzecco, la Dinamo Sassari è risorta dalle proprie ceneri, più forte e consapevole dei propri mezzi come non accadeva da un bel pezzo. 
Sono arrivate 5 vittorie clamorose in campionato. Nell'ordine: Pistoia, fuori casa all'overtime (per la prima volta in quattro anni è arrivata una vittoria in un tempo supplementare in campionato) per 82 a 90; Trento in casa per 88-70 e ribaltamento della differenza canestri, +13 per il Banco; Bologna in casa per 90 a 72 (2-0 nei confronti diretti); la sontuosa ed epica vittoria a Milano, 79 a 93, e ultima, ma non ultima, la grande vittoria di questo mezzogiorno di fuoco in casa contro Avellino, 105 a 84, anche qui con la ciliegina del preziosissimo ribaltamento della differenza canestri (+13).
La Dinamo si riaffaccia prepotentemente in zona playoff, collocandosi nel gruppo che va dalla quinta alla nona posizione a quota 28, in attesa delle partite di Trento, Trieste e Cantù.
In ogni caso mancano ancora quattro match per chiudere il girone di ritorno. Sabato 20 aprile alle ore 20.45 (diretta su Rai Sport HD) c'è in programma Pesaro in trasferta; Domenica 28 aprile alle 18 si gioca a Sassari contro Brescia (all'andata vittoria per la Dinamo in trasferta 71-95); Domenica 5 maggio alle 20.30 è la volta di Trieste-Dinamo (al PalaSerradimigni finì 102 a 97 per la Dinamo) e chiuderà la regular season il 12 maggio alle 20.30 Dinamo-Cantù (all'andata vinse Sassari fuori casa per 97 a 88).
Quindi c'è ancora tempo per mettere radici nella zona playoff ma, a dirla tutta, con questa serie di vittorie alle spalle (8 consecutive se si tiene conto anche della Europe Cup) e soprattutto queste prestazioni di grande personalità e sfoggio di attributi c'è di che essere ottimisti, molto ottimisti. Anche oggi all'ora di pranzo, una Dinamo che è partita un po' in pantofole e con il tovagliolo già al collo (23 a 30 il primo quarto in favore di Avellino) si è rimessa in corsa con calma e tranquillità, sino ad asfaltare l'ottima squadra irpina con 21 punti di vantaggio, trascinati dal gigante immarcabile Jack Cooley (23 punti, 10/11 al tiro, 3/3 dalla lunetta, 5 rimbalzi, 1 assist, 4 falli subiti, 28 di valutazione) e da Thomas (22 punti, 6 rimbalzi, 6 falli subiti, anche lui a quota 28 di valutazione). A questi due si devono aggiungere le grandi prove di Smith, Pierre, Spissu e McGee tutti in doppia cifra, ma anche di Polonara e Gentile. Grazie Dinamo!



Ora però c'è da concentrarsi su un altro obiettivo, mercoledì 17 aprile alle 20.30 è in programma la Semifinale di ritorno della Fiba Europe Cup contro gli israeliani dell'Hapoel Holon. Si parte dal +5 in favore della Dinamo Sassari...




Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...