Lasciate ogni speranza o voi che entrate

Bochesmalas

venerdì 1 luglio 2022

Rumori dal sottosuolo 2022, prima parte

 





giovedì 30 giugno 2022

Адольф Путин и спецоперация


 До каких пор мы хотим верить российской лжи? Сколько смертей еще нужно? Может быть и правда, что многим удобно встать на сторону сильнейшего, причем яркого представителя бывшей советской империи, а также оплота против ненавистных НАТО и США. Однако в предположении, что мнения других должны уважаться (когда они находятся в пределах приличия), есть что-то неправильное: точка зрения, с которой рассматривается вопрос, неверна. НАТО - нравится нам это или нет - это мы. А что тогда с другой стороны? Фашистский режим Путина, китайская или африканская или арабская диктатуры. Нет демократии, нет прав, нет свободы. В равной степени верно и то, что под флагами НАТО у нас есть Эрдоган, что права человека даже не знают, что они такое, а вместо этого он очень хорошо знает, что и где нужно убивать курдов. Но Атлантический пакт не свободен от изъянов и проблем; это не совершенный организм, как и мы сами, которые далеко не совершенны. Так что утверждение ни с Путиным, ни с НАТО так называемых "пацифистов" - это большая чушь: как я уже сказал, Мы - НАТО.


Между тем пропаганда путинского режима сумела посеять у нас сомнения в правдивости бучанской бойни и Мариупольского театра, бомбардировки вокзала Краматск и целой бесконечной череды военных преступлений, достойных ИГИЛ или средневековых сражений. Теперь он еще и попробует с историей о взрыве Кременчугского торгового центра, переполненного тысячами безоружных мирных жителей, убитых без причины. Манипулирование царем чисто школьной реальности КГБ всегда умудряется прорваться сквозь ряды его европейских и особенно итальянских учеников. Я уверен, что он мог даже заставить нас поверить в инопланетян или летающих коров. Ему удалось убедить многих блестящих и прославленных мыслителей - правых (крайних) и левых (крайних) - в том, что украинцы бомбят сами себя и что нельзя давать оружие сопротивлению, потому что так война заканчивается раньше и мы все счастливы. Наши "пацифисты" на передовой собирают путинские советы, даже те, кто ранее проголосовал за отправку оружия, теперь хотят его забрать, отчасти потому, что немного подустали, потому что, по их мнению, он прав Путин: виноват лежит с НАТО и Байденом, а не с тем добрым человеком Владимиром. К сожалению, проблема, вступающая в противоречие с чьим-то желанием лишить украинский народ оружия, заключается в том, что Россия не хочет ни мира, ни прекращения огня, ни переговоров: она хочет Украину, разрушенную и необитаемую, но хочет всю ее для себя. Все остальное пропаганда.


Однако, как Адольф Гитлер взял Суддеталь в Чехословакии из-за германского языка, Влад Путин вообще безразлично хочет взять Донбасс, потому что, помимо того, что это район, богатый полезными ископаемыми, газом и драгоценными металлами, он является еще и русско-русским. говорящий район и русофил. Или, по крайней мере, было до войны, ибо сомневаюсь, что на Донбассе все за вторжение и беспорядочные бомбежки в чисто путинском стиле, как и в Мариуполе, Харькове или в самой Одессе, во всех городах с русскоязычным большинством , сомневаюсь, что найдется много сочувствующих царю и его преступной "спецоперации"."


Правда в том, что Путин, вопреки тому, что думают наши «коммунисты» и фашисты, умышленно бомбит больницы, торговые центры, приюты, элеваторы, продовольственные склады и многоквартирные дома. Цель его банды воров - терроризировать, морить голодом и убивать мирных жителей. Его орки грабят, насилуют, воруют все подряд и оставляют мирных жителей умирать в подвалах, без воды и еды. Месяцами он делал вид, что открывает разные гуманитарные коридоры, а потом его расстреляли, депортировал тысячи людей в самую глубь России и теперь цель - уморить мир голодом, заблокировав экспорт зерна из Украины. Таким образом можно шантажировать Запад, а также газом и нефтью, и заставить страны третьего мира поверить, что НАТО, Украина и ЕС виноваты, если они не могут есть. Он в этом очень искусен и обязательно найдет поддержку у путинцев нашего дома, которых становится все больше и больше, и они агрессивны. Уже несколько недель предлагает проход судов с зерном после разминирования украинских вод. На практике царь хочет открыть другой путь, чтобы иметь возможность высаживаться со своими полчищами орков в украинских портах и, поверьте мне, он еще раз сможет заставить людей поверить, что это не так. Русские до сих пор не признают, что сегодня идет война, они неделями отрицали, что сосредоточенные на границе войска готовились к вторжению, не говоря уже о том, что сейчас они могут признать, что заминированные украинские порты предназначены только для прохода военных кораблей. Кремля. Какое вы хотите, чтобы Владимир заботился об африканцах или голодающих ливанцах, потому что у них больше нет пшеницы?


А пока у его нацистско-фашистского режима уже нет свободного противника: со вчерашнего дня ВСЕ в тюрьме вместе с протестующими против вторжения. Здесь, однако, уже никто не выходит на улицы, война нас утомила, а море — неотразимый зов. Если вы видите кого-то на демонстрации, то это друзья Путина, которые всегда в движении, в том числе благодаря рублям, которые продолжают поступать за «верных друзей».”

Русские друзья остановите войну, остановите Путина

martedì 28 giugno 2022

Adolf Putin e l’operazione speziale

 


Per quanto tempo ancora vogliamo credere alle bugie russe? Quanti morti servono ancora? Può essere vero che faccia comodo a molti schierarsi con il più forte, per giunta illustre rappresentante di quello che era l'ex impero sovietico, nonché baluardo contro l’odiata Nato e gli USA. Tuttavia, premesso che le opinioni altrui debbano essere rispettate (quando rientrano entro il limite della decenza) c’è qualcosa che non quadra: la prospettiva da cui si osserva la questione è errata. La NATO - che piaccia o no - siamo noi. E poi cosa c’è dall’altra parte? Il regime fascista di Putin, la Cina o le dittature africane o arabe. Nessuna democrazia, nessun diritto, nessuna libertà. È altrettanto vero che sotto le bandiere NATO abbiamo Erdogan che i diritti umani non sa neanche cosa siano e invece sa bene cosa e dove siano i curdi da massacrare. Ma il patto atlantico non è esente da difetti e problemi; non è un organismo perfetto, come noi stessi che siamo tutto tranne che perfetti. Quindi l’affermazione né con Putin né con la Nato dei cosiddetti “pacifisti” è una gran cazzata: come ho già detto Noi siamo la NATO.

Intanto la propaganda del regime di Putin è riuscita a insinuare il dubbio tra noi sulla verità della strage di Bucha e del teatro di Mariupol, sul bombardamento della stazione di Kramatosk e di tutta una serie infinita di crimini di guerra, degni dell'Isis o delle battaglie medievali. Ora ci proverà anche con la vicenda del bombardamento del centro commerciale di Kremenchuk, affollato da migliaia di civili inermi, uccisi senza un perché. La manipolazione della realtà di pura scuola KGB dello zar riesce sempre a fare breccia tra le fila dei suoi discepoli europei e soprattutto italiani. Sono sicuro che riuscirebbe anche a farci credere agli alieni o alle mucche volanti. È riuscito a convincere tanti geniali e illustri pensatori - di destra (estrema) e sinistra (estrema) - che gli ucraini si bombardano da soli è che le armi non vadano date alla resistenza perché così finisce prima la guerra e siamo tutti felici. I nostri “pacifisti” sono in prima linea a raccogliere i consigli putiniani, anche quelli che prima avevano votato per l’invio delle armi ora vogliono riprendersele, un po’ perché si sono stancati un po’ perché secondo loro, in fondo, ha ragione Putin: la colpa è della NATO e di Biden, mica di quel brav’uomo di Vladimiro. Purtroppo il problema che si scontra con il desiderio di qualcuno di privare delle armi il popolo ucraino è che la Russia non vuole la pace né il cessate il fuoco né i negoziati: vuole l'Ucraina, rasa al suolo e disabitata, ma la vuole tutta per sé. Tutto il resto è propaganda.

Comunque come Adolf Hitler si era preso la regione dei Suddeti in Cecoslovacchia perché di lingua germanica, nell'indifferenza generale Vlad Putin si vuole prendere il Donbass perché, oltre a essere una zona ricca di minerali, gas e metalli preziosi, è una zona russofona e russofila. O almeno lo era prima della guerra, perché dubito che tutti nel Donbass siano favorevoli all'invasione e ai bombardamenti a caso in puro Putin style, come anche a Mariupol, Kharkiv o nella stessa Odessa, tutte città a maggioranza russofona, dubito che ci siano molti simpatizzanti dello Zar e della sua criminosa “operazione speciale.”

La verità è che Putin, nonostante quello che possono pensare i nostri "comunisti" e fascisti, gli ospedali, i centri commerciali, i rifugi, i silos di grano, i depositi di cibo e i condomini li bombarda intenzionalmente. L’obiettivo della sua banda di ladroni è quello di terrorizzare, affamare e uccidere i civili. I suoi orchi saccheggiano, stuprano, rubano di tutto e lasciano morire i civili nelle cantine, senza acqua né cibo. Per mesi ha finto di aprire vari corridoi umanitari per poi sparargli addosso, ha fatto deportare migliaia di persone nella Russia più profonda e ora l’obiettivo è affamare il mondo bloccando l’esportazione di grano dell’Ucraina. In questo modo può ricattare l’Occidente, oltre che con il gas e il petrolio, e può far credere alle nazioni del terzo mondo che la colpa è della NATO, dell’Ucraina e della UE se non possono mangiare. In questo è abilissimo e troverà senz’altro una sponda tra i putiniani di casa nostra, che sono sempre più numerosi e agguerriti. Già da alcune settimane sta offrendo il passaggio di navi con il grano, previo lo sminamento della acque ucraine. In pratica lo zar vuole far aprire dagli altri il varco per poter sbarcare con le sue orde di orchi nei porti ucraini e, credetemi, riuscirà anche stavolta a far credere che non è così. I russi non ammettono ancora oggi che ci sia una guerra in corso, hanno negato per settimane che le truppe ammassate al confine stessero preparandosi a un'invasione, figuriamoci se ora possono ammettere che i porti ucraini sminati servono solo per far passare le navi da guerra del Cremlino. Cosa volete che importi a Vladimiro degli africani o dei libanesi che muoiono di fame perché non hanno più grano?

Nel frattempo nel suo regime nazi-fascista non c’è più un oppositore libero: da ieri sono TUTTI in galera, insieme ai manifestanti contro l’invasione. Qui da noi invece nessuno scende più in piazza, la guerra ci ha stancato e il mare è un richiamo irresistibile. Se si vede qualcuno a manifestare sono solo gli amici di Putin che sono sempre in moto, grazie anche ai rubli che continuano ad arrivare per “gli amici fedeli.”

Aggiornamento dell'ultim'ora: Svezia e Finlandia entreranno nella Nato e questa è una gran bella notizia per tutti noi ma non di certo per Vladimiro e il suo impero. La sua guerra folle è cominciata per tanti motivi assurdi tra i quali c'era anche la presunta espansione della Nato ai confini con la Russia, e invece ha ottenuto il risultato opposto. La Nato, com'era logico attendersi, anziché smontare le tende e preparare le valigie si rafforza e si espande per arginare la minaccia del Cremlino. La prossima volta, amico caro, fatti li cazzi tui...

lunedì 27 giugno 2022

Dinamo market 2022-23, seconda parte

 


La Dinamo - Banco di Sardegna 2022-2023 è praticamente fatta. Al nuovo arrivato Jamal Jones si è aggiunto Chris Dowe combo-guard americana del 1991 proveniente dalla squadra ucraina del Prometey; gran bel giocatore che aveva impressionato nella doppia sfida di Champions League della scorsa stagione. In buona sostanza l'indice Dow-Jones è servito.
Nel contempo è arrivato il rinnovo anche per Filip Kruslin che si va ad aggiungere alla gran quantità di rinnovi di quest'anno che tendono a conservare praticamente tutto il blocco dell'eccellente stagione appena conclusa. Sono partiti Logan e Burnell - sostituiti dai due americani appena arrivati - e purtroppo anche Miro Bilan, nonostante i tentativi del gm Pasquini di trattenerlo per un altro anno. Quindi oltre a Jones e Dowe, si riconfermano il succitato Kruslin, Gentile, Treier, Bendzius, Diop, Robinson e Devecchi. Manca solo un centro importante e su questi elementi la Dinamo ha avuto sempre un grande tradizione. Non so chi e cosa riuscirà a pescare il grande Pasquini, ma sono convinto che - come sempre - riuscirà a stupirci con un colpo clamoroso. Qualcuno ha detto Jack Cooley?

A presto per gli aggiornamenti.





lunedì 20 giugno 2022

Dinamo market 2022-2023

 


Si sta formando l'embrione della Dinamo Sassari 2022-2023 e pare già ben attrezzato. L'ecografia ha evidenziato un paio di colpi niente male: l'arrivo dell'ala statunitense Jamal Jones, fresco di vittoria di Fiba Europe Cup con i turchi del Bahcesehir, e le graditissime riconferme di Bendzius, Robinson, Treier e Diop. Erano già scritturati da tempo per le prossime stagioni anche Gentile e, ovviamente, Capitan Devecchi. Poi pare sia stato confermato anche il lungo Gandini come dodicesimo uomo e quindi le fondamenta per la nuova stagione ci sono già. Siamo tutti in attesa di un'eventuale riconferma di Miro Bilan che però è richiestissimo da squadre con budget ben più importante della Dinamo. Oltre queste liete notizie, certe o ipotetiche che siano, c'è in ballo anche un clamoroso ritorno di Marco Spissu, liberato dai russi del Kazan, ma anche richiesto dalla Reyer Venezia. Il mitico MiniSpì era stato lasciato andare in Russia per poter disputare l'Eurolega, dopo le note vicende spagnole, pur essendo sotto contratto con la Dinamo. Per questo mi pare improbabile che passi a una diretta concorrente e non a una formazione da Eurolega e quindi ne deduco che non sia impossibile che possa riprendere le redini della regia biancoblu. Per il resto non si hanno notizie del prof. David Logan, ma non penso che possa disputare un'altra stagione, data l'età. Mentre è partito Jason Burnell dopo due stagioni importanti, anche se l'ultima è stata caratterizzata da qualche picco entusiasmante ma anche da clamorosi blackout.

Per concludere, in attesa di ulteriori movimenti del mercato, un grandissimo in bocca al lupo al mitico Poz, fresco di contratto per la guida della nazionale italiana dopo lo scudetto con l'Olimpia Milano.

mercoledì 15 giugno 2022

La Guerra d'estate


 Dopo quasi quattro mesi di guerra, morte e distruzione, tutto l'Occidente appare abulico, stanco, e desideroso di voltare pagina velocemente, magari sopra una sdraio in riva al mare o con un cocktail tra le mani. Anche lo stesso Biden pare abbia meno interesse di qualche tempo fa a mettere sul campo i suoi fuochi d'artificio che solo fino a qualche settimana fa avevano incendiato il panorama internazionale. Ancora peggio accade in Europa e nella nostra nazione: c'è chi ritiene che le armi da inviare in Ucraina potevano andare bene prima, ma ora - con varie tornate elettorali in ballo e i sondaggi che spingono in altri lidi - non si debbano mandare più. Eppure in Ucraina si muore ancora. 

Non si riesce proprio a capire come si possa dare un fucile a qualcuno per potersi difendere e poi non li si diano più le munizioni perché ci si è stancati della guerra o si ha cambiato idea. Eh si, nell'occidente di questi tempi moderni e frenetici, la coerenza non è di casa, tantomeno lo è l'empatia verso chi soffre o è in difficoltà. Poi, dopo un po', ci si stanca e bisogna passare per forza ad altro. Infatti la guerra in Ucraina è slittata in fondo pagina nei quotidiani e dopo 5-6 servizi di altra natura nei vari TG nazionali, perché i lettori e i telespettatori vogliono sentire e leggere altro.

In Italia c'è tutto un fronte di putiniani convinti e agguerriti (sia a destra sia a sinistra) e ci sono poi i vari Salvini che si sono riscoperti "pacifisti" e quelli come Conte che ritengono che non sia più il caso di inviare armi. Come se l'Italia (e gran parte d'Europa) avesse davvero dato armi efficaci per cercare di fermare l'invasione russa. In buona sostanza solo Stati Uniti, Inghilterra e in parte la Francia pare abbiano inviato armi vere e funzionali alla causa della resistenza ucraina.

Di certo non si vede alcuna alternativa all'invio di armi e alle sanzioni contro Mosca, perché Putin non ha alcuna intenzione di fermarsi e tantomeno di sedersi al tavolo dei negoziati se non per formalizzare la presa totale di tutto il territorio ucraino. Altro che pace, se non si danno armi alla resistenza, l'Ucraina è destinata a scomparire sotto le bombe russe; è solo questione di tempo, purtroppo.

Intanto lo zar Vladimiro gioca con la fame del terzo mondo e con la sete di petrolio dell'Europa. Dichiara di essere d'accordo nel consentire il passaggio del grano ucraino via mare, probabilmente solo per esercizio di propaganda o forse per far sminare il mar Nero da chi è in grado di farlo (gli europei) per poi aver via libera dal mare per invadere Odessa. Nel frattempo il succitato ex agente del KGB si vende il grano ucraino rubato e anche l'acciaio sottratto all'Azovstal. I predoni russi, in perfetto medieval style, si stanno rubando di tutto: grano, acciaio, trattori, ma anche elettrodomestici dalle case private. Per non parlare delle vite. 

mercoledì 1 giugno 2022

Milano - Sassari 3-0



La Dinamo ci ha provato con tutte le armi che aveva a disposizione, spinta dall'incessante incitamento di un commovente palazzetto sold-out, ma Gara 3 finisce 69 - 87 e Milano vola meritatamente in finale. La partita è finita nel primo quarto con la Dinamo in vantaggio 19 - 17 e tante buone sensazioni per poter vedere materializzarsi il miracolo. Invece no, Logan non ha inciso come ci si poteva aspettare (solo 2 punti e 0/4 da tre) gli arbitri in alcune circostanze hanno fischiato in modo incomprensibile - come già era accaduto in Gara 2 - regalando falli antisportivi all'Olimpia e lasciando correre un po' troppo dall'altra parte. Comunque alla fine in 4 finiscono in doppia cifra: Robinson 14, Bilan 12 ma tanti errori (5/11), Kruslin 11, Bendzius 11; ma non meno importanti sono stati i 9 di Gentile e i 9 di Burnell per tenere viva la speranza sino a pochi minuti dalla fine. La Dinamo in ogni caso chiude a testa alta una stagione cominciata male ma ripresa alla grande sino con la standing ovation di tutto il PalaSerradimigni. Bucchi è riuscito a portare Sassari tra le prime 4 con un gioco spettacolare e un attacco spumeggiante (Bendzius MVP della stagione), grazie anche all'arrivo di Robinson e al clamoroso ritorno dell'eccezionale centro Miro Bilan e di Kruslin quando le cose non andavano bene affatto. La Dinamo ha un suo gioco, una sua personalità, è stata sicuramente una delle squadre più divertenti da vedere. Il campionato si è chiuso al sesto posto a quota 34 (a pari punti con Venezia, quinta e Tortona, quarta); la serie dei Quarti con Brescia l'ha vinta 3-1, con Milano invece non c'è stata storia, eccetto la grandissima prestazione di Gara 2, oggi obiettivamente non si poteva chiedere molto di più. Sarebbe servito un miracolo (o un David Logan di qualche tempo fa). Pazienza. 


GRAZIE RAGAZZI!!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...