Lasciate ogni speranza o voi che entrate

Bochesmalas

giovedì 27 ottobre 2011

Lacrimosa






Non è semplice parlare dei Lacrimosa, soprattutto se si rivolge a chi non li conosce, o li ha solo sentiti nominare chissà dove e quando, o a chi pensa che sia solo una parte della messa da requiem. Ma se si riesce a entrare nella stretta stradina che conduce al loro mondo oscuro e romantico difficilmente si va via, e ancora più difficilmente si cerca un luogo diverso al quale offrire i propri timpani bisognosi di note.
Serve solo la chiave giusta o forse è solo questione di patrimonio genetico e di predisposizione alla materia...
Se si varca la soglia i Lacrimosa ti sequestrano l’anima e, oltre tutto, sono in grado di offrirti un piatto ricco, con ottime e abbondanti porzioni di darkwave, gothic metal, musica classica, musica sacra e sinfonica, alternative rock, elettronica...tutto virato al nero, ovviamente.
I Lacrimosa si sono formati nella testa del tedesco Tilo Wolff in Svizzera nel 1990. Qualche anno dopo le teste sono diventate due: al cantante, compositore, produttore e polistrumentista si aggiunse la finlandese Anne Nurmi, cantante e tastierista...e moglie.
Il resto degli strumentisti che hanno collaborato con la band è solo di contorno: session men, orchestre sinfoniche, musicisti di estrazione metal o classica, passanti e quant’altro.
Forse l’ostacolo più grande per chi tenta un primo approccio con i Lacrimosa è la lingua; perché i nostri cantano quasi esclusivamente in tedesco. Anche se ormai la lingua germanica è stata adeguatamente sdoganata da tanti gruppi, soprattutto in ambito gothic, industrial, elettronica o metal (uno su tutti: Rammstein) per molte persone potrebbe rappresentare un ostacolo per un’adeguata fruizione del prodotto musicale. Io sono del parere che la lingua tedesca, invece, rende particolarmente bene nei generi musicali che gravitano intorno all’area dark, gothic, ma anche metal e affini.

I primi due dischi dei Lacrimosa sono completamente, e totalmente, opera del solo Tilo Wolff; si tratta di due lavori oscuri e minimalisti, e ancora parecchio distanti da quello che sarà il suono spettacolare degli album successivi. In questi due primi lavori regnano sovrane la voce, le tastiere e i pianoforti di Wolff; solo nel secondo, Einsamkeit, compare anche qualche timida chitarra.
Le chitarre elettriche crescono con i lavori successivi; Wolff incrementa la percentuale di rock e di metal presente nel sound della sua creatura e arriva anche la voce di Anne a nobilitare la proposta musicale.
Il trittico Satura, Inferno e Stille rappresenta il ponte che consentirà al gruppo di attraversare gli oscuri sentieri dell’underground e uscire allo scoperto con uno stile personale, un potente impianto sonoro di origine metal, arrangiamenti ricchi e magniloquenti, e melodie malinconiche e romantiche.
Dall’altra parte del ponte di cui sopra c’è il loro capolavoro, uno di quei dischi che, se preso al posto giusto e al momento giusto, ti può cambiare la vita: Elodia; un raffinato e ambizioso cocktail di gothic e musica sinfonica, suoni e canzoni emozionanti e indimenticabili, dove tutto è al posto giusto e le note scorrono che è un piacere. Con la collaborazione della London Symphony Orchestra e un’ottima band agli strumenti elettrici.
Dopo Elodia il duo sforna una serie di album di ottima caratura, variando di tanto in tanto la percentuale riservata al rock e alle chitarre o alla musica classica e agli archi, tra i quali spicca Lightgestalt del 2005.
L’ultimo disco uscito da casa Wolff e dalla sua etichetta Hall of Sermon è l’ottimo Sehnsucht del 2009, al quale è seguito Schattenspiel per celebrare il ventesimo anniversario, nel 2010, doppio cd composto da brani inediti che coprono tutta la vita musicale dei Lacrimosa.
Per concludere un breve cenno ai dvd pubblicati dalla band: Lichtjahre (pubblicato anche in versione doppio cd audio), The Live History e Musikkurzfilme, quest’ultimo con tutti i video clip ufficiali sino al 2005.



Gli album:


1.Angst - 1991




2.Einsamkeit - 1992




3.Satura - 1993




4.Inferno - 1995




5.Stille - 1997




6.Live - 1998




7.Elodia - 1999




8.Fassade - 2001




9.Echos - 2003




10.Lichtgestalt - 2005




11.Lichtjahre - 2007




12.Sehnsucht - 2009




13.Schattenspiel - 2010



I DVD:






Il progetto collaterale di Wolff: Snake Skin








Tilo Wolff:





Anne Nurmi:





Il sito ufficiale:





La casa discografica:






Lacrimosa:
































Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...