Lasciate ogni speranza o voi che entrate

Bochesmalas

sabato 31 agosto 2013

Death On/Off - Reality is Obscene


C'erano una volta le feroci autopsie dei Carcass e il mitico Scum, primo album dei Napalm Death, e altre leccornie ad allietare le serate splatter a base di ultraviolenza, orrore, pornografia, oscenità, velocità folle e voci gutturali al limite delle possibilità umane. Successivamente il grindcore si è evoluto, ha trovato altri alfieri (tra i quali sono da citare i grandissimi Cripple Bastards) e si è diramato in vari sotto-sotto-generi. Ora è approdato a Ferrara, e i Death On/Off sono la cosa migliore in questo ambito sentita in questi ultimi anni.
Reality is Obscene è il secondo disco di questi quattro (cinque) misteriosi individui mascherati. Segue l'ottimo "Disharmonic Mass Destruction" dell'anno scorso: un calcio sui denti come non capitava da tempo di sentire. Il nuovo disco si presenta come meglio non potrebbe: un feroce assalto sonoro violentissimo e senza compromessi.
Gli ingredienti ci sono tutti e si trovano al posto giusto: grindcore allo stato brado, l'acceleratore premuto oltre il limite consentito dalla legge, liriche da bollino rosso e, soprattutto, alcuni passaggi hardcore assolutamente fantastici che vanno ad impreziosire il marasma sonoro creato da questi terroristi delle sette note.
Tra i brevissimi e velocissimi brani in scaletta spiccano All You Need is Porn (il basso tellurico nello stacco è una goduria), God Blessed The Balsphemy, le scariche elettriche di Deathsong, Pissing is My Business, la cover dei grandissimi Impact, Cadaveri, Chocked by Repulsion e il violentissimo arrembaggio hardcore di Social Tensions.
Oltre queste inutili chiacchiere, c'è da tenere conto che tutto questo avviene in un piccolo vinile colorato che espone le proprie tematiche ruotando a 45 giri. Per giunta si tratta di un'edizione limitata (80 copie in rosso e 170 in verde).
Reality is Obscene è la prima uscita della "Dischi Grezzi," etichetta che si occupa di grindcore, hardcore punk e Oi! esclusivamente in vinile.

Un disco incredibile…Da non perdere!

Tracklist:

Side A:
01.Arbeit Macht Idiot
02.All You Need Is Porn
03.My Degeneration
04.Indie-Gested
05.Purification Through Defecation
06.God Blessed The Blasphemy

Side B:
01.Deathsong
02.Pissing Is My Business
03.Social Tensions
04.Chocked By Repulsion
05.Cadaveri (Impact cover)

Dischi Grezzi - 2013

Formazione:

Alan Cunt - voce, chitarra
Desirèe Cunt - batteria
Mia Cunt - chitarra
Mary Ann Cunt - basso
Schizo F - voce femminile


Il dischetto oggetto di questa recensione si può trovare nei link qui sotto. L'aspetto è quello di un bellissimo 7" colorato (rosso o verde)…anche l'occhio vuole la sua parte. Qui si viaggia a 45 giri...











Un pessimo video casalingo per un grande pezzo: "Social Tensions"

video

Il primo disco "Disharmonic Mass Destruction," pubblicato dalla Hanged Man Records nel 2012, si può trovare qui. Si tratta si un 12" con un bellissimo lato serigrafato e uno inciso con 11 brani:





All you need is porn...

1 commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...