Lasciate ogni speranza o voi che entrate

Bochesmalas

venerdì 4 maggio 2018

Perù: Paracas e le isole Ballestas


Lasciata la capitale alle spalle la seconda tappa del nostro viaggio in Perù ci conduce attraverso la Panamericana Sud, lungo la costa del Pacifico, verso Paracas. Si tratta di una località molto turistica, affacciata sull'oceano. In questa allegra cittadina si trovano ottimi ristoranti, tanto pesce fresco, musica che sgorga in ogni angolo e una moltitudine di volatili impressionante. L'albergo a due passi dalla spiaggia ci ha accolto con un tramonto caloroso e, soprattutto, con tutta una serie di animali tra i quali spiccano i numerosi avvoltoi appollaiati sui balconi, praticamente quasi dentro le camere. Il Cathartes Aura, noto anche come "avvoltoio tacchino" con la sua testa rossa potrebbe apparire come una presenza inquietante, invece è un vero piacere vederlo volteggiare sul cielo terso e abbeverarsi nelle piscine, come anche riposare accanto alle nostre finestre. Con ancora il jet lag sul groppone è stato veramente rilassante godersi questa cittadina con i suoi suoni e colori, pare di essere alle Galapagos. Questa sensazione si è rafforzata ancora di più l'indomani mattina con la partenza per le isole Ballestas che non hanno molto da invidiare alle isole scoperte da Darwin. Peccato solo che il sole che si specchiava sull'acqua il giorno prima, al momento dell'escursione si è ritirato nei suoi appartamenti, lasciando il posto a un tetto di nuvole e pioggia.
In ogni caso il tempo grigio non è riuscito a far perdere un solo briciolo di fascino a questi luoghi incredibili, con guglie, grotte e scogliere ricolme di guano. Ovviamente i protagonisti di cotanta bellezza sono gli animali qui riuniti in colonie immense. Tra gli altri si possono ammirare in gran numero sule, cormorani, pellicani, otarie, leoni marini, la Larosterna Inca con il becco rosso decorato da una specie di baffi bianchi, e i pinguini di Humboldt. Lo spettacolo è molto scenografico sia per la location sia per il numero esorbitante di animali. Poi il grande candelabro inciso su una collina da tempo immemore da il benvenuto nel miglior modo possibile, fungendo da splendida copertina per lo spettacolo delle Ballestas.
Un paradiso...























































































Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...