Lasciate ogni speranza o voi che entrate

Bochesmalas

lunedì 14 maggio 2012

Spanish Bombs: il rock alternativo in Spagna



Ci sono canzoni che ogni tanto, anche a distanza di molti anni, saltano fuori dal ripostiglio della memoria e non ti danno nessuna possibilità di ricacciarle dentro. Una di queste, l’ultima in ordine di apparizione, è Spanish Bombs dei Clash tratta da quell’enciclopedia di nuovo rock che è London Calling: senza alcun dubbio uno dei dischi più belli e importanti della storia della musica rock. In questo post però non si parlerà dei Clash né dei loro capolavori. La Spanish Bombs che ronza nelle orecchie è solo uno stupido pretesto per spendere qualche parola sulla scena alternative rock spagnola, o almeno su alcuni gruppi che vivono nei meandri più oscuri dell’underground spagnolo. Quindi non sono della partita i nomi più noti del rock iberico (Heroes Del Silencio, Ska-P, Mago De Oz...) e neanche quelli che popolano, o popolavano, l’interessantissima scena basca (Kortatu, Negu Gorriak...tutta un'altra storia e forse anche un'altra "nazione"). Qui ci sono una decina di “leccornie” di oscuro rock indipendente, punk rock e territori circostanti.



Il punk rock, in tutte le sue declinazioni, ha sempre trovato terreno fertile nella Spagna, sempre in bilico tra modernità, progresso, una particolare attenzione per le tematiche che riguardano i giovani, e un certo conservatorismo molto radicato. La profonda religiosità di buona parte del popolo spagnolo, e anche le antiche tradizioni di dubbio gusto come la corrida contrastano in modo stridente con i matrimoni gay o i movimenti di protesta come gli "Indignados". 
L'humus nel quale si è formata la scena alternative rock spagnola non è molto differente da quello italiano (con l'unica differenza che qui abbiamo il Vaticano...). Anche se, forse, in Spagna c'è un maggior legame con quello che accade nei paesi dell'America Latina (anche se non mancano riferimenti all'underground più oscuro made in USA) e qui siamo un po' più influenzati dalla cultura rock anglofona (forse più inglese che americana).




Gli Aerobitch sono stati forse la band punk rock più importante della Spagna. Si sono formati a Madrid nel 1994 e hanno inciso 3 album: C'mon Cop Make My Day nel 1996, Time To Start Kickin' Ass nel 1998 e Steamrollin' nel 2000, oltre a svariati singoli, split albums, mini album ed EP's. Il loro suono è riconducibile a certo rumoroso punk'n'roll lo-fi di derivazione Crypt records e territori sonici simili.



















I Psycho Loosers sono, o meglio forse erano (dato che è dal 2009 che non danno segni di vita), un trio pop punk molto interessante. Hanno inciso quattro album, l'ultimo dei quali, Las Chicas Que Me Destrozaron El Corazon, risale appunto al 2009. Il suono proposto dai tre di Salamanca è affine a certe cose dei/delle Muffs, dei Green Day, Queers o Ramones, con una qualche leggera spruzzatina horror punk qua e la e molto pop. Avevano messo su anche una band parallela, i Critters, con la quale hanno pubblicato l'album Luces En La Oscuridad. In attesa di novità...




















I Baby Horror sono una band horror pop, pop punk, psychobilly di Madrid con all'attivo cinque album (Desde El Espacio Exterior del 1998, Horror pop del 2001, Teletransportador del 2003, El Baul de Los Horror del 2005 che contiene, oltre a cinque canzoni inedite, una lunga serie di brani tratti da singoli e raccolte, l'ultimo nato è Ritual del 2008). Sicuramente una delle cose migliori prodotte in Spagna...




























I Cromosoma 3 suonano un'interessante miscela di psychobilly, horror punk e surf; sono di Alicante e hanno all'attivo due ep e un album: Suenos, Esos Trocitos de Muerte como los Odio...
















I Desechables sono una delle band storiche della scena punk rock e alternativa spagnola; si sono formati a Barcellona nel lontano 1981 e hanno pubblicato svariati singoli e album (da citare Amor Pirata, Desechables, Golpe Tras Golpe, Buen Ser-Vicio e La Oracion). Il suono è un ruvido e originale garage punk...





























Con gli Eyaculacion Post Mortem si torna nel presente con una torbida e malsana miscela di death rock, post punk, elettronica e horror punk, il tutto condito con una buona dose di humor, nero ovviamente. Sono di Barcellona e hanno inciso 5 albums: La Oskura Hermandad, De Los Muertos y Sus Costumbres, El Analizator de Espectros, il magnifico Temblad Temblad Malditos! e l'ultimo, del 2011, Viva La Muerte.


































Muletrain: potentissimo punk rock di eccellente caratura... Hanno all'attivo solo tre album, tre album assolutamente imperdibili per chi campa a pane e rock'n'roll, ed ora pare che si siano sciolti. Si erano formati da una costola degli Aerobitch, una volta estinti anche questi, in quel di Madrid. Il suono dei Muletrain è riconducibile alle tempeste sonore dei Zeke o primi New Bomb Turks ed è assolutamente devastante! I dischi che hanno inciso sono: Demolition Preaching del 2004, il fenomenale The Worst is Yet to Come del 2006 e Crashbeat del 2009.














I Naughty Zombies sono una pericolosa creatura che vegeta nei terreni torbidi e paludosi dell'underground più oscuro e inaccessibile. La loro proposta musicale è infetta da diversi agenti patogeni: death rock, garage, post punk, rock'n'roll primitivo, elettronica d'assalto, horror punk e altri psicotici e dannosi batteri. Finora hanno inciso solo alcune demo tape autoprodotte...
























Altro gruppo storico della scena post punk sono i mitici Paralisis Permanente, formatisi a Madrid nel 1981; hanno inciso un solo album ufficiale (El Acto, 1982) e numerosi ep, singoli, split, riuniti in alcune raccolte. Il death rock in versione ispanica...






























I Paralitikos proseguono il discorso iniziato con i Paralisis Permanente con un eccellente post punk made in Spain. Si sono formati nel 1989 a Santander con un nome differente presto cambiato con l'attuale denominazione. Il suono della band si muove tra darkwave, post punk, gothic rock e altre sfumature oscure ed è rigorosamente cantato in spagnolo. L'album migliore dei Paralitikos, e forse anche quello più noto a livello internazionale, è Alas De Cuervo. Da qualche mese è disponibile il nuovo lavoro: La Senda de los Antihéroes (presto su queste pagine...).
































Per concludere questa breve, e sicuramente, incompleta carrellata sugli astri del nuovo rock spagnolo qualche cenno sui veterani Pleasure Fuckers: punk rock di ottima caratura con 6 album alle spalle e una miriade di singoli sparsi per tutto il globo. Hanno prodotto musica e vissuto sia in Spagna che negli USA (nella line up erano presenti membri di entrambe le nazionalità). L'album da avere a tutti i costi è For Your Pleasure del 1996. Anche questi sono defunti...



























Grazie per l'attenzione...






Bonus track: l'esplosivo power pop di Suzy Y Los Quattro, da Barcellona...











2 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...