Lasciate ogni speranza o voi che entrate

Bochesmalas

sabato 7 luglio 2012

This is Hardcore

Mi spiace deludere qualche passante occasionale: qui di porno non c'è nulla. L'hardcore che occupa queste pagine è "solo" un genere musicale (o un sottogenere secondo alcuni). Si tratta, per chi non conoscesse la materia, di un suono derivato dalle frange più estreme del punk rock originale, dal quale però ha preso le distanze, differenziandosi ed evolvendosi sino ad andare a fondersi successivamente anche con certi settori di metal estremo. Anche l'hardcore si è suddiviso in diversi filoni: quello melodico è già stato trattato abbondantemente su queste pagine; l'hardcore punk, in linea di massima più inglese che americano, del quale fanno parte molte band ancora legate al punk originale (GBH, Exploited, Discharge, Chaos UK e compagnia crestata), successivamente evoluto (o de-evoluto) sotto le spoglie del crust, di certo grindcore e dell'anarcho punk; lo straight edge di nascita americana (Minor Threat, Youth of Today etc...) a base di cultura vegana o vegetariana, e niente sesso, fumo e alcol. Poi ci sono altre varianti come il tostissimo New York Hardcore (Sick of it All, Agnostic Front) , quello della scena di Boston (SSD, Slapshot, Gang Green...) e di Washington DC (Bad Brains, Minor Threat, Better Than a Thousand) e altre variabili come il metalcore, l'horrorcore, il grindcore, l'emocore e altre storie. Qualche caratteristica è comune a tutte le varianti: la velocità e la durezza (altrimenti non si chiamerebbe hardcore). Qui c'è qualche esempio...Dei Dead Kennedys, Black Flag, GBH, Exploited e Discharge si è già parlato in altra sede. Chiunque sia interessato basta che spulci tra i post...


Si parte con i grandissimi Agnostic Front, da New York, since 1982. Dalla sterminata e ottima discografia della band di Roger Miret e Vinnie Stigma si devono obbligatoriamente trovare almeno questi dischi: il primo mitico Victim in Pain, Cause for Alarm e Liberty and Justice For, ma anche i restanti capitoli sono di eccellente qualità, compreso l'ultimo My Life My Way del 2011.










I padri dello straight edge: Minor Threat - Filler:


Minor Threat - Straight Edge







Lo strepitoso rasta-core dei Bad Brains...

Banned in D.C.

Big Takeover






Gli Youth of Today, ancora straight edge, veganismo, animalismo e velocità supersonica...

No More


Break Down the Walls






I magnifici 7 Seconds di Kevin Seconds...

Young Till I Die

Anti-Klan






Qualche pezzo dall'eccezionale discografia dei Sick Of It All:

Step Down

Death or Jail







I  D.R.I. dal vivo:

e Karma:

Da avere assolutamente il capolavoro Dealing With It, prima della svolta thrash metal:




I Suicidal Tendencies e il loro skate-core velocissimo e metallico...

Instituzionalized


Possessed to Skate


Da avere assolutamente il primo album omonimo, del 1983. Uno dei dischi più belli e importanti della storia dell'hardcore...




I nostri connazionali Raw Power: un monumento dell'hardcore e della musica alternativa mondiale...










Ancora in Italia con un altro grande gruppo: i Negazione

Condannati a morte nel vostro quieto vivere

Lo Spirito Continua








Ci sarebbero ancora moltissimi altri gruppi da inserire (molti dei quali italiani) ma lo spazio è quello che è, e il tempo è tiranno...

auf wiedersehen

2 commenti:

  1. Io amo l'hard core.
    Lo senti scorrere nelle vene.

    RispondiElimina
  2. Si, sono assolutamente d'accordo... Poi non è facile disintossicarsi.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...