Lasciate ogni speranza o voi che entrate

Bochesmalas

mercoledì 28 ottobre 2015

Motorhead - Bad Magic


Quarant'anni di carriera, 22 album con ben pochi cali di tensione significativi (forse solo un piccolo accenno di stanchezza verso fine anni 90) e un leader inossidabile, il mitico Lemmy (Ian Fraser Kilmister)  che, a dispetto degli anni sul groppone, di qualche acciacco e delle gufate di una parte della stampa, continua a urlare con la sua voce catarrosa ottimamente assistito dai fidi Phil Campbell e Mickey Dee.
I Motorhead interpretano ancora - meglio di qualunque altro - lo spirito più puro del rock'n'roll. In questi ultimi anni, anzi, pare che i tre inglesi abbiano trovato la giusta alchimia per campare in eterno e continuare a sfornare il miglior rock come se fossero degli esuberanti e vigorosi ventenni. "We are Motorhead and we're gonna kick your ass!"
Negli anni 2000 si sono scrollati di dosso anche quel leggerissimo intorpidimento che aveva caratterizzato in qualche modo alcuni dischi leggermente appannati, che comunque avrebbero nobilitato le discografie di tante, troppe, band. In ogni caso da "We are Motorhead" in poi non hanno più sbagliato un colpo e sono andati in crescendo come un treno in corsa sino all'ottimo "Aftershock" del 2013.
Il nuovo disco farà la gioia dei numerosi fans della band e lascerà indifferenti tutti gli altri, come sempre. Perché è assolutamente indiscutibile che la banda di Lemmy suona lo stesso disco da quarant'anni, più o meno, con piccole variazioni sul tema e, come dicevo, qualche lieve oscillazione per quanto riguarda la qualità dell'insieme. Come è anche vero che se uno deve scegliere solo uno o due album tra i ventidue dischi messi in fila da Lemmy e soci, sicuramente non sbaglierà se andrà a pescare tra i primi lavori. Per chi invece non può fare a meno dell'inimitabile, sporco, grezzo, torbido, alcolico, eccitante e trascinante hard-metal-punk-rock'n'roll dei Motorhead, "Bad Magic" è una goduria senza pari. Basterebbero solo le prime due tracce, le strepitose mazzate di "Victory or Die" e "Thunder & Lightning" per togliere dal cassetto la vecchia maglietta dei Motorhead (anche se l'estate è finita) e correre a comprare due o tre copie del disco, una per sé e le altre da piazzare come regali ad amici, parenti o fidanzate, volenti o nolenti.
Tutto il resto non ha importanza, come non ne ha neanche questa specie di pseudo recensione, assolutamente priva di contenuti e sostanza. Perché il disco farà andare fuori di testa chi i Motorhead ce li ha dentro le vene, per gli altri (che non sanno cosa si perdono) può andare bene anche un ascolto saltuario di "Ace of Spades".
Per quanto mi riguarda "Bad Magic" non smette di girare nel mio lettore cd da diverse settimane ed è soprattutto a causa sua se mi ritrovo con un buon numero di recensioni di altri album ferme al semaforo in attesa del verde che non arriva mai. 

"..Pleased to meet you, Hope you guessed my name..."


Tracklist:

01.Victory or Die
02.Thunder & Lightning
03.Fire Storm Hotel
04.Shoot Out All of Your Lights
05.The Devil
06.Electricity
07.Evil Eye
08.Teach Them How to Bleed
09.Till The End
10.Tell Me Who to Kill
11.Chocking on Your Screams
12.When The Sky Comes Looking at You
13.Sympathy For The Devil

2015 - UDR

Formazione:
Lemmy - voce, basso
Phil "Wizzo" Campbell - chitarra
Mickey Dee - batteria


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...