Lasciate ogni speranza o voi che entrate

Bochesmalas

martedì 30 agosto 2011

Neo surrealismo e altri punti di vista sul mondo, la vita e i sogni



Altre immagini di arte visionaria a base di pigmenti di colore e pixel su tele virtuali:
















































I lavori qui presentati sono di:  Katerina Belkina, Paula Rosa, Tassos kouris, Teodora Taneva, Tiffany Bozic, Vicente Arnas e altri.




"A quell'immaginazione che non ammetteva limiti, permettiamo appena di esercitarsi, adesso, secondo le norme di un'utilità arbitraria; essa è incapace di assumere per molto tempo questa funzione inferiore, e intorno ai vent'anni, preferisce di solito, abbandonare l'uomo al suo destino senza luce... 

La sola parola libertà è tutto ciò che ancora mi esalta. La credo atta ad alimentare, indefinitamente, l'antico fanatismo umano. Risponde senza dubbio alla mia sola aspirazione legittima. Tra le tante disgrazie di cui siamo eredi, bisogna riconoscere che ci è lasciata la MASSIMA LIBERTA' dello spirito. Sta a noi non farne cattivo uso. Ridurre l'immaginazione in schiavitù, fosse anche a costo di ciò che viene chiamato sommariamente felicità, è sottrarsi a quel tanto di giustzia suprema che possiamo trovare in fondo a noi stessi. La sola immaginazione mi rende conto di ciò che PUO' ESSERE,  e questo basta a togliere un poco il terribile interdetto; basta, anche, perché io mi abbandoni ad essa senza paura di essere tratto in inganno (come se fosse possibile un inganno maggiore). Dove comincia a diventare nociva e dove si ferma la sicurezza dello spirito? Per lo spirito, la possibilità di errare non è piuttosto la contingenza del bene? 
Resta la follia, la follia "da rinchiudere", come è stato detto giustamente. Questa o l'altra...Ognuno sa infatti che i pazzi devono il loro internamento ad un certo numero di azioni legalmente reprensibili, e che, in mancanza di queste azioni, la loro libertà (quello che si può vedere della loro libertà) non può essere messa in causa. Che essi siano, in qualche misura, vittime della loro immaginazione, sono pronto a concederlo, nel senso che essa li spinge all'inosservanza di certe regole, fuori delle quali il genere si sente leso, come ogni uomo sa a proprie spese. Ma il profondo distacco che dimostrano nei confronti della nostra critica e persino dei diversi castighi che vengono loro inflitti, lascia supporre che attingano un grande conforto dall'immaginazione, che apprezzino abbastanza il loro delirio per sopportare che sia valido soltanto per loro. E, in effetti, le allucinazioni, le illusioni, eccetera, sono una fonte non trascurabile di godimenti...
Viviamo ancora sotto il regno della logica: questo, naturalmente, è il punto cui volevo arrivare. ma ai giorni nostri, i procedimenti logici non si applicano più se non alla soluzione di problemi di interesse secondario. Il razionalismo assoluto che rimane di moda ci permette di considerare soltanto fatti strettamente connessi alla nostra esperienza. I fini logici, invece, ci sfuggono. Inutile aggiungere che l'esperienza stessa si è vista assegnare dei limiti. Gira dentro una gabbia dalla quale è sempre più difficile farla uscire. Anch'essa poggia sull'utile immediato, ed è sorvegliata dal buon senso. In nome della civiltà, sotto pretesto di progresso, si è arrivati a bandire dallo spirito tutto ciò che, a torto o a ragione, può essere tacciato di superstizione, di chimera; a proscrivere qualsiasi modo di ricerca della verità che non sia conforme all'uso. Si direbbe che si debba a un caso fortuito se di recente è stata riportata alla luce una parte del mondo intellettuale, a mio parere di gran lunga la più importante, di cui si ostentava di non tenere più conto. Bisogna rendere grazie alle scoperte di Freud. In forza di queste scoperte, si delinea finalmente una corrente d'opinione grazie alla quale l'esploratore umano potrà spingere più avanti le proprie investigazioni, sentendosi ormai autorizzato a non considerare soltanto le realtà sommarie. L'immaginazione è forse sul punto di riconquistare i propri diritti..."



Dal Manifesto del Surrealismo del 1924 di André Breton.

domenica 28 agosto 2011

17 Piccole bare

C'erano una volta 17 piccole bare con all'interno 17 piccole bambole.
Ora sono 8 e "riposano" nel National Museum of Scotland di Edimburgo.




La Scozia è una terra dove i misteri vengono su come funghi. Ovviamente Edimburgo non si può sottrarre alla sua buona dose di eventi strani e oscuri, fantasmi e mostri.
In una collina della città dove si gode di uno splendido panorama (Arthur's Seat) cinque ragazzi trovarono per caso, sotto delle lastre di pietra, 17 piccole bare con all'interno delle statuette di legno vestite con abiti della loro misura.
Era il 1836 e su quelle piccole bambole si fecero svariate supposizioni.




La teoria più accreditata è che si trattasse della rappresentazione delle 17 vittime di Burke e Hare.
I due turpi individui di origine irlandese si dilettavano a riesumare cadaveri da consegnare ai chirurghi del Royal College of Surgeons per le lezioni di anatomia come era usanza del periodo. Ma decisero di strafare e anziché aspettare che qualcuno morisse, o anche per evitare la fatica degli scavi notturni nel cimitero, decisero di recuperare i corpi uccidendo povera gente, malati e anziani, per poi consegnarli ai benemeriti professori per le lezioni di anatomia.
Dopo i 17 omicidi furono scoperti dalla polizia.
Hare denunciò il compare e scaricò tutta la colpa su di lui.
Burke fu impiccato e il suo corpo venne donato alla scuola di anatomia per essere pubblicamente sezionato dallo stesso professore al quale vendette i cadaveri.
Il professore, invece, continuò impunemente ad aprire corpi di cadaveri di dubbia provenienza, ma questa è un'altra storia.
Era credenza del periodo che le anime delle persone sezionate dagli anatomopatologi non potevano avere accesso al paradiso, quindi si pensa che le piccole bare siano un modo per dare comunque una sepoltura degna a quei 17 corpi e qualche speranza alle loro anime.

Lo scheletro e la pelle di Burke (sotto forma di un portafoglio) sono ancora esposti presso il Surgeon's Hall Museum.






Altre foto scattate al National Museum of Scotland, Chambers st. Old Town, Edimburgo:











http://bochesmalas.blogspot.com/2011/05/uno-sguardo-sul-mondo-e-le-sue-citta.html


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...